Le migliori tappatrici per bottiglie da Comprare

Se ci siamo dedicati da poco tempo alla produzione di birra o di altri liquori, una delle cose che sicuramente servirà nel nostro kit di produzione casalinga è una tappatrice per i tappi delle bottiglie, sia con tappo liscio che con tappo a corona, la tappatrice diventa fondamentale per poter conservare al meglio le nostre bottiglie.

Come nella scelta del Rifrattometro per la misurazione della percentuale alcolica, anche nella scelta della tappatrice dobbiamo fare attenzione se non vogliamo comprare un giocattolo che si rompe dopo aver tappato due bottiglie.

Tappatrice manuale a Colonna

La tappatrice a colonna è sicuramente quella più comoda se dobbiamo tappare numerose bottiglie, la sua possibilità di appoggiare la bottiglia sotto per mantenerla ferma sia per utilizzarla sul bancone da lavoro.

Esistono ovviamente anche le tappatrici automatiche ma se vogliamo realizzare delle produzioni casalinghe non sempre il costo è alla portata di un amatore della piccola produzione casalinga.

Nel caso voi fosse interessati vi lascio il link ad una tappatrice automatica che secondo noi ha un buon rapporto qualità-prezzo.

VEVOR Tappatrice a Colonna Sughero Diametro 56MM, Tappatrici a Leva Non Rotante, Tappatrice...
  • 【FORTE APPLICABILITÀ】 - Questa saldatrice elettrica per lattine sigilla ferro, plastica,...
  • 【DISPLAY DIGITALE INTELLIGENTE】 - È facile azionare la tappatura delle lattine attraverso...

Esistono due modelli di tappatrice che possiamo utilizzare in casa sono le tappatrici a colonna per tappi a corona e le tappatrici a colonna per tappi in sughero.

Le migliori tappatrici manuali a colonna per tappi a corona

Le tappatrici per tappi a colonna sono utili se scegliamo prodotti con corpi in metallo o acciaio, evitate prodotti con corpi di plastica che potrebbero deteriorarsi o rompersi alla minima pressione.

TAPPATRICE A COLONNA PER TAPPI CORONA CON DUE BOCCOLE 26-29/31 -VINO ACQUA BIRRA
  • AD ALTEZZA VARIABILE, MUNITA DI 2 BOCCOLE DI DIAMETRO 26 e 29-31 mm
  • TAPPATRICE SEMIAUTOMATICA A COLONNA ALLUMINIO E LAMIERA ZINCATA
TAPPATRICE PESANTE GRIFO PROFESSIONALE PESO 9,7 KG 51 CM
  • Tappatrice corona supergrifo - TCSG MUNITA DI 2 BOCCOLE DI DIAMETRO 26 e 29-31 mm
Tappatrice Cremagliera per Tappi a Corona +200 Tappi idonei alla bollitura in acciaio...
  • Tappatrice a Cremagliera in Acciaio per tappi corona da 26,5mm x bottiglie acqua 1L ecc.
  • Tappatrice qualità made in Italy Gruppo Palumbo

Le migliori tappatrici manuali a colonna per tappi in sughero

Se vogliamo tappare bottiglie di vino o altri prodotti che richiedono il sughero come tappo, allora dovremo prendere una tappatrice a colonna che possa chiudere le bottiglie con i tappi in sughero.

Tappatrice a colonna per tappi sintetici e in sughero
  • Pratico articolo per bar e cucina
  • Dimensioni: 10 x 10 x 10 cm
Agrizoo Tappatrice Tappi Sughero/Sintetici, Tipo Mini a Leva Regolabile
  • Imballareage Weight: 8.0 kilograms
  • Imballareage Dimensioni: 6.0 L x 70.0 H x 50.0 W (centimeters)
Cork Crafts Tappi di Sughero, 250 Tappi di Vino, Naturale 24 mm x 45 mm, Tappi per Il Bricolage...
  • Tappi in sughero naturale non trattato – materie prime sicure – ogni tappo è realizzato in...
  • Dimensioni: diametro 24 mm, lunghezza 45 mm.

Quando prendiamo una tappatrice manuale dobbiamo sceglier essenzialmente che questo prodotto abbia queste caratteristiche:

Corpo in metallo
Base Solida
Leva con corpo in acciaio

Questo perchè se non hanno questi requisiti minimi, c’è il grosso rischio che la nostra tappatrice si rompa dopo pochi utilizzi per via della forza che imponiamo materialmente sulla bottiglia.

Codici Sconto BIRRAINBO… che il gustoso viaggio abbia inizio!

Una serie infinita di colori e sapori provenienti da tutto il mondo. Storie di Generazioni e di Tradizioni che trovano la loro massima espressione in un boccale o in una coppa, dove le labbra toccano la morbida schiuma per assaporare tutto il gusto della “Bionda” più famosa di sempre. Stiamo, ovviamente, parlando della BIRRA!

Sul nostro sito www.couponesconti.it troverai tantissimi Codici Sconto per la tua Birra preferita o per sperimentare nuovi sapori!

Leggi tutto “Codici Sconto BIRRAINBO… che il gustoso viaggio abbia inizio!”

5 marchi di birra che devi provare durante il tuo viaggio nella Repubblica Ceca

La Repubblica Ceca produce birra dal X secolo ed è il paese con il più alto consumo pro capite di birra al mondo.

I cechi sono un po’ tradizionali quando si tratta di birre, le birre inglesi non sono molto popolari nel paese e i marchi cechi più famosi si concentrano rigorosamente sulle lager. Ecco cinque birre che dovresti provare durante il tuo viaggio enogastronomico in Repubblica Ceca

Pilsner Urquell

La prima lager chiara al mondo prende il nome da Pilsen, la città della Repubblica Ceca dove era originariamente prodotta (e viene prodotta ancora oggi).

La Pilsner è fatta con malti chiari e acqua dolce. Ha un gusto “luppolato” ben distinto e una gradazione alcolica del 4,5% -5%.

Pilsner Urquell viene servita quasi ovunque, ma se avete la possibilità di visitare la loro birreria originale a Pilsen (circa un’ora fuori Praga) riceverete una doppia sorpresa.

Dal 1993, la Pilsner Urquell è stata prodotta utilizzando cisterne cilindriche in metallo, ma i visitatori della birreria possono anche degustare il “vecchio” tipo, prodotto in barriques aperte e conservato nella cantina del birrificio.

Un ottimo modo per confrontare i gusti e un’esperienza che puoi avere solo nella Repubblica Ceca.

L’indirizzo per provare questa birra vecchia maniera è U Prazdroje 7, 304 97 Plzeň 3, Czechia

Bernard

Birrificio di famiglia risalente al XVI secolo, Bernard subì un’importante ristrutturazione nel 1991, quando nuovi proprietari presero il posto e passarono alla produzione di birra non pastorizzata con metodi tradizionali che prevedevano la maturazione della birra nelle cantine.

Bernard fa la propria cultura del lievito e usa la microfiltrazione per un processo finale di “pulizia” che non influisce sul gusto o sul colore della birra.

Mentre Bernard produce le lager sempre più popolari, producono anche birre e birre aromatizzate.

Le birre Bernard sono famose per essere particolarmente corpose e amare, quindi se sei alla ricerca di una birra forte con molta personalità, questo è il marchio da provare.

Produce anche una deliziona birra gluten free che è tra le più amate tra i viaggiatori  intolleranti al glutine.

La birreria Bernard si trova in U 5. května 1, 396 01 Humpolec, Repubblica Ceca

Matuska

La Matuška è una delle birre più giovani del paese, ma ha già accumulato un serio seguito tra gli addetti ai lavori.

Matuška è una birra artigianale prodotta con la massima pulizia, senza aggiunta di estratti o zuccheri, utilizzando diversi tipi di lieviti e acqua appositamente filtrata per l’occasione.

Matuška produce diverse birre, tra cui birre tipiche e lager piene di corpo.

Se vuoi qualcosa di speciale, prova la loro birra Zlata Raketa (che significa racchetta dorata). Con una gradazione alcolica del 7% e sfumature di agrumi e frutta tropicale, è un’ottima scelta se si desidera qualcosa di più leggero e più dolce della tipica birra ceca.

La birreria Matuska si trova in U Radnice 115, 267 42 Broumy, Repubblica Ceca

Kozel

Kozel (che significa “capra maschio” in ceco) esiste dal 1874. Anche se producono quattro tipi di birra, se si ordina un Kozel, si ottiene una tipica birra chiara con un 4% di alcol in volume (ABV).

Il nome di Kozel deriva dall’aspetto e dall’aspetto della birra, una birra spessa, quasi nera con una schiuma scura, che la rende molto forte e mascolina.

Kozel ha vinto molti premi internazionali ed è il preferito sia dalla gente del posto che dagli espatriati.

La birreria Kozel si trova in Ringhofferova 1, 251 69 Velké Popovice, Repubblica Ceca

Svijany

Svijani viene spesso ignorato dai visitatori che di solito scelgono Kozel e Pilsner Urquell semplicemente perché sono più ampiamente distribuiti e questo è un grosso errore.

Svijani è una delle più antiche birre della Repubblica Ceca. Fondato nel 1534, il marchio è anche speciale perché produce lager non pastorizzati. Questo porta un gusto “vero” unico alla bevanda che lo rende diverso dalle altre birre ceche.

Mentre la maggior parte delle birre nella Repubblica Ceca ha un contenuto alcolico di ABV pari o inferiore al 5%, Svijany produce anche una birra chiara speciale (il Svijany Baron) che contiene il 6,5% di alcol e una speciale birra di frumento.

La birreria Svijany si trova in Svijany 25, 463 46 Příšovice, Repubblica Ceca

Differenze tra birre Ale e Lager

La principale differenza tra birra “Ale” e “Lager” si riduce al tipo di lievito, temperatura di fermentazione, colore, sapore e soprattutto gusto.

Le birre Ale sono solitamente più scure di tonalità e hanno un sapore più fruttato e amaro. Le lager tendono ad avere un aspetto chiaro con il sapore tende ad essere più dolce.

Leggi tutto “Differenze tra birre Ale e Lager”

Birra: la bevanda dalle proprietà nascoste

La birra è indubbiamente una delle bevande più antiche e onnipresenti nella storia dell’uomo: sembra infatti che le sue radici possano essere datate al tempo dell’Antico Egitto.

Nel corso dei secoli la birra è stata poi perfezionata e prodotta in diversi stili, tra cui i 3 oggi più popolari sono le Lager, le Ale e le Lambic – a fermentazione spontanea.

Leggi tutto “Birra: la bevanda dalle proprietà nascoste”

Birra e calciatori

“Gentili ascoltatori, abbiamo appena assistito a un primo tempo davvero spumeggiante!” esclama il cronista entusiasta. Spumeggiante come il boccale di birra che tanti appassionati stanno sorseggiando al
bar mentre ascoltano trepidanti la radiocronaca della partita degli azzurri.
Calcio e birra sono indissolubilmente legati nella tradizione popolare, nel nostro Paese come in Gran Bretagna, dove il calcio moderno è nato, e in molte parti d’Europa. La birra accompagna da sempre quanti,
alla radio come davanti al televisore, soffrono ed esultano per le gesta dei loro idoli sul prato verde.

Leggi tutto “Birra e calciatori”

Come bere birra tutta d’un fiato se hai perso una scommessa

Almeno una volta nella vita, ti sarai dovuto imbattere nel bere birra tutta d’un fiato. Non importa se lo hai fatto o se dovrai affrontare la sfida per una scommessa persa o semplicemente per “divertirti” in compagnia, adesso quello che ti chiedi è come fare.

Al di là di quale delle tante varietà di bibite alcoliche tu voglia bere, ti vogliamo fare una premessa: divertirsi va bene, ma fallo con il buonsenso.

Molti spesso ci sono stati casi in cui alcuni giovani sono finiti in coma etilico per aver bevuto litri di birra in una sola volta o peggio ancora, ne hanno fatto un mix con superalcolici.

Leggi tutto “Come bere birra tutta d’un fiato se hai perso una scommessa”

Il rifrattometro per fare la birra può servire veramente?

Il rifrattometro per fare la birra è sicuramente lo strumento di misurazione più idoneo e professionale per monitorare la densità, il livello e la quantità di zuccheri presenti nel mosto. Un’ottima alternativa e certamente più veloce, rispetto che utilizzare il densimetro.

In tanti si domandano quale sia il migliore, ma soprattutto se è davvero essenziale al fine di realizzare la nota bevanda alcolica tedesca. La risposta? Assolutamente si. Lo strumento di misurazione ottica consente di analizzare le proprietà fisiche e l’indice appunto di rifrazione, della birra.

Leggi tutto “Il rifrattometro per fare la birra può servire veramente?”

Perché seguire un Corso per fare la Birra Artigianale?

In Europa, in particolare in Germania o nella Repubblica Ceca, è frequente trovare i “mastri birrai“: veri e propri maestri nell’arte della birra che fanno della loro passione per il luppolo, una vera e propria professione.

In Italia, d’altro canto, la cultura della birra non è ancora tanto radicata da essere considerata come una possibilità di sbocco professionale; la birra è ancora vista come bevanda da condividere tra amici e sicuramente non in grado di raggiungere gli alti livelli del vino.

Leggi tutto “Perché seguire un Corso per fare la Birra Artigianale?”

La produzione di birra con tecnologia a cavitazione

Oggi, grazie alle nuove tecnologie, la produzione di birra si è raffinata e
ha permesso all’Italia di raggiungere standard produttivi, altrettanto
buoni, quanto le eccellenze mondiali.

Che cos’è la cavitazione idrodinamica?

La cavitazione idrodinamica si manifesta nella “bollitura” dell’acqua o di
qualsiasi altro liquido a temperature molto più basse rispetto alla
temperatura di ebollizione a parità di pressione (100° nel caso
dell’acqua). Le “bolle di cavitazione” si formano nel liquido in
conseguenza di depressioni localizzate, dovute per esempio a onde
acustiche nel campo degli ultrasuoni oppure alla circolazione del liquido
attraverso strozzature, dove il liquido subisce una repentina
depressione. Il sistema a cavitazione non richiede la macinazione
del malto e permette una conversione enzimatica del mosto e un
utilizzo del luppolo molto più veloci ed efficienti, senza
applicazione diretta di fonti di calore. Come sembra, quindi, non è più
necessaria la bollitura, in quanto la sterilizzazione, la volatilizzazione del
DMS e l’isomerizzazione degli alfa acidi avvengono già durante il mash.
Secondo analisi di terze parti, il mosto che si ottiene ha la stessa
stabilità e composizione di zuccheri fermentabili e non fermentabili, fan,
proteine, ecc. di un mash tradizionale.

Riduzione dei tempi di lavoro e del consumo di energia

200 miliardi di litri prodotti e consumati ogni anno nel mondo
e un giro d’affari ben superiore al trilione di dollari. Questo
impianto riduce i tempi di lavoro del 50% e dei consumi di energia di oltre il 40%, l’eliminazione di alcune fasi centrali del processo produttivo come
le triturazione a secco dei grani e la bollitura del mosto, una maggiore
durata di conservazione delle birre e delle loro proprietà strutturali.
I principali vantaggi della cavitazione idrodinamica rispetto alla
produzione brassicola tradizionale Di particolare rilievo è l’esclusione delle fasi di macinatura dei grani (che quindi possono essere introdotti interi) e di bollitura (completati a temperature inferiori a 100 °C). In più l’energia elettrica alimenta le pompe centrifughe, i processi di cavitazione e riscaldamento, e i trasferimenti necessari del mosto, garantendo un consumo molto ridotto rispetto agli altri impianti. L’elettricità alimenta anche il segmento di separazione, costituito da un Decanter, attivato simultaneamente a una specifica fase del processo di cavitazione.

I principali vantaggi della cavitazione idrodinamica rispetto alla
produzione brassicola tradizionale

Di particolare rilievo è l’esclusione delle fasi di macinatura dei grani (che
quindi possono essere introdotti interi) e di bollitura (completati a
temperature inferiori a 100 °C). In più l’energia elettrica alimenta le
pompe centrifughe, i processi di cavitazione e riscaldamento, e i
trasferimenti necessari del mosto, garantendo un consumo molto ridotto
rispetto agli altri impianti. L’elettricità alimenta anche il segmento di
separazione, costituito da un Decanter, attivato simultaneamente a una
specifica fase del processo di cavitazione.
I costi di realizzazione dell’impianto
I costi sono sicuramente inferiori rispetto agli impianti convenzionali. Ma
non sarà solo il costo di costruzione dell’impianto il maggiore vantaggio
economico, piuttosto la riduzione dei costi di gestione, di consumo
energetico e la superiore produttività. La stima è, a parità di produzione

di birra, tempi di lavoro e consumo energetico, pari ad una riduzione di
oltre il 40%.

In Toscana il primo birrificio al mondo a cavitazione idrodinamica

Barberino Val d’Elsa (Firenze), Birrificio San Gimignano: L’impianto ha
una capacità di 12 ettolitri — di facile gestione e flessibile rispetto a
qualsiasi ricetta, l’impianto a cavitazione idrodinamica controllata
sostituisce completamente le tecnologie esistenti, praticamente
immutate da secoli, e in particolare la bollitura del mosto e le triturazione
a secco dei grani. ”La cavitazione idrodinamica permette così
l’eliminazione di alcune fasi del processo produttivo, come la triturazione
a secco dei grani e la bollitura del mosto, garantisce migliori proprietà
strutturali della birra e una maggiore durata di conservazione”. Sul
funzionamento spiega che ”praticamente una pompa spinge il mosto
velocemente in un imbuto creando una forte pressione e quindi un
innalzamento delle temperature permettendo di sostituire il processo di
produzione di bollitura utilizzato per 10.000 anni sino ad oggi” (ANSA-
Stefano Botto, socio fondatore Birrificio San Gimignano).